Dress code: istruzioni per l’uso!

Seconda settimana di Fashion Week. Si sta per chiudere quella di Londra  e spesso e volentieri sbircio i blog di famose Fashion blogger per tenermi aggiornata. Le piccole Guru della moda non sbagliano mai un abbinamento, anche se molte volte eccentriche sanno sempre come apparire in perfetta forma ed essere sempre impeccabili. Come faranno mai?????

Quando si viene invitati ad una festa, cerimonia o serata di gala non si è mai sicuri che ciò che si è scelto di indossare sia indicato all’evento. Noi donne soprattutto! Tutte noi trascorriamo ore davanti ad uno specchio passando in rassegna ogni abito nel nostro armadio, per poi finire di indossare sempre il primo che avevamo provato (o il tubino nero Chanel). Chiedere consiglio ai nostri uomini è praticamente inutile, seguirlo poi significherebbe firmare la nostra condanna a morte! Le mura di casa avranno sentito mille volte la famosa frase “come mi vesto?” una volta ricevuto un invito. Tra stagioni e temi spesso rischiamo di prendere una grande cantonata e di finire a fare da tappezzeria. Proprio per questo e per evitarci situazioni imbarazzanti, per fortuna esiste un vero e proprio codice dell’abbigliamento: il Dress Code!

E’ sempre esistito ed è sempre stato ben gradito, ma non è certo una nuova moda. Niente roba da snob.  Molto democraticamente, toglie gli ospiti dall’imbarazzo. La famosa dicitura che troviamo alla fine dei nostri inviti “è gradito abito scuro” non è di certo un invito a presentarci vestiti come tanti uccellacci del malaugurio. No! E’ una formula formale per dirci di andare ad un evento in abito elegante, uomini o donne. Quindi tranquillizzatevi, non dovrete per forza vestirvi come vampiri di Twilight. Quando si parla di “cravatta nera”, si intende che gli uomini indosseranno lo smoking, non penserete di andare in giro vestiti come le Iene di Tarantino?! Certo, per le donne questa dicitura è fuorviante… è però chiaro che una donna che accompagna un uomo in smoking dovrà essere elegante quanto lui!

Come tutto, anche il dress code ha subito un’evoluzione e si è adattato alle mode, che hanno portato ad arricchirne il dizionario: Smart Casual, Easy Chic, Cocktail Dress, Lounge Suite, Business Casual, e tanti altri ormai sono quasi sempre presenti all’interno dei nostri inviti. Alcuni dress code fanno pensare ad una presa in giro, però è tanto di moda ormai e quasi nessuno riesce a farne a meno. Anzi è una gara a chi ne inventa di più strani e originali. Attenti come sempre a non esagerare perché, a meno che non si tratti di una festa a tema dove è sempre bene specificare il tema ed il dress code, sennò si rischia l’effetto mascherata!
There is 1 comment
  1. hahahah concordo con voi!! Ottimi sunti di riflessione!
    Don’t Call Me Fashion Blogger
    Facebook

    Bloglovin’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.esterchianelli.com/wp-content/uploads/2020/07/background-header-pagine2.jpg);background-color: #fdf8f4;background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: scroll;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 110px;}